Casino Campione supera Venezia a marzo

roulette

Che sia un periodo molto complicato per i casino terrestri non lo si scopre certo oggi.  E’ ormai da diversi mesi che si riducono incassi ed entrate e siamo ad un calo generale di circa il 20% nel primo trimestre del 2012. La crisi economica e la concorrenza dell’online continuano a incidere pesantemente.

In questo quadro poco incoraggiante va segnalato tuttavia un inedito sorpasso avvenuto nel mese di marzo  tra i casino del BelPaese. Dopo una lunga rincorsa infatti durata diversi anni, il Casino di Campione è riuscito a guadagnare più del Casino Municipale di Venezia. La casa da gioco in territorio svizzero ha incassato 8,7 milioni di euro, contro i 7,8 di quella della città lagunare.  Un risultato per certi versi storico, che non ha precedenti da quando i casino italiani divulgano con precisione i dati relativi alle entrate e alle visite.

Si può chiaramente immaginare anche la soddisfazione (una gioia in ogni caso mitigata dal momento preoccupante che stanno vivendo le nostre case da gioco)  per l’amministratore delegato del Casino di Campione,  Carlo Pagan, che peraltro fino al 2010 era a capo del Casino di Venezia.

Proprio per la struttura veneziana intanto sono giorni decisivi per il passaggio dalla gestione pubblica a quella privata. Sembra ormai un passaggio inevitabile, di cui si è ormai convinta l’amministrazione comunale, ma andrà effettuato con attenzione, trovando la formula giusta.  I dipendenti infatti giustamente chiedono garanzie importanti per il loro futuro lavorativo.  Non ride nemmeno il Casino di Sanremo per il quale peraltro sarebbe allo studio una soluzione simile.