Casino Saint Vincent trend positivo nonostante la crisi

roulette

Più volte su Games10 abbiamo scritto del difficile momento che stanno vivendo i casino terrestri. Nel 2011 c’è stato un calo generale piuttosto significativo e le prospettive per il futuro non sembrano le più rosee, anche se ci si sta attivando da Venezia a Campione d’Italia per un rilancio in grado di fronteggiare crisi, contrazione dei consumi e concorrenza dell’online.

In questo panorama, una sorta di mosca bianca è rappresentata dal Casino di Saint Vincent, che ha recentemente approvato il bilancio d’esercizio dello scorso anno e che ha fatto registrare utili per circa 3,3 milioni di euro. Nessuno in Italia può vantare un simile trend.

Quindi per il Casino de la Valléé, il 2011 è stato decisamente positivo, portando ad un risultato simile a quello fatto segnare nel 2010, anzi con un saldo di +1,1%. Appare scontata, pertanto, la riconferma di Luca Frigerio alla carica di amministratore unico della società, anche per i prossimi tre anni. Gli utili in aumento peraltro sono pure la logica conseguenza di un altro dato probabilmente molto invidiato dalle altre sale da gioco in territorio italiano, ossia un + 3,4 per cento, per quel che riguarda le presenze, che son passate dalle 610mila del 2010 alle 630mila del 2011. A ciò si aggiunge anche una diminuzione dei costi dell’1 per cento.

Il futuro dunque può essere visto con maggior serenità per la struttura della Valle d’Aosta, che peraltro ha anche avviato un significativo paino di restyling, che prevede la ristrutturazione del Grand Hotel Billia, la nuova Centrale Termica e l’ampliamento dello spazio dedicato al gioco.