Mercato Poker online 2012 in calo a febbraio

poker

Dopo un ottimo gennaio che aveva fatto segnare una netta crescita, un po’ a sorpresa non è stato un felice febbraio per casino e poker online.

Si è  infatti registrata una inversione di tendenza  e si è assistito ad un calo dei giocatori e dei fondi raccolti.  Quali fattori hanno determinato questo risultato? Difficile dirlo ed è inutile perdersi nelle ipotesi più disparate.

Per quel che riguarda più specificamente il poker, mentre il settore tornei si è mantenuto stabile o in leggera flessione, è stato il cash game a perdere circa il 10%, stando ai dati che sono stati diffusi da Agicos, che parlano di 795 milioni di euro contro gli 883,5 fatti registrare un mese fa. Un dato significativo, perché è la prima volta dalla sua introduzione nel luglio del 2011, che il cash vede una diminuzione.

Marzo dunque si annuncia già come il mese della verità per capire quale sarà la tendenza predominante, in attesa poi dell’arrivo sul mercato delle slot online che i più ottimisti ritengono possibile già sul finire della primavera, altrimenti se ne riparlerà in estate.

Per quanto riguarda il mercato italiano, al primo posto si conferma Pokerstars che detiene una quota superiore al 25% del totale, forte di 205, 2 milioni di euro raccolti. Al secondo posto troviamo Micrograme, 170 milioni e percentuale di poco superiore al 21%. Terza piazza per Bwin/Bparty (14,2%), seguito a breve distanza da Lottomatica (11,9%). Dietro i quattro grandi del mercato troviamo più staccate Sisal e Snai (poco sopra al 4%), le cui poker room comunque stanno viaggiando su discreti valori.