Poker online cash game, un anno dopo

poker

Il Cash Game online italiano ha spento ieri la sua prima candelina. E’ trascorso infatti un anno dall’introduzione di questa modalità del poker nel mercato dei giochi del nostro Paese è dunque tempo di tracciare un bilancio che sostanzialmente può dirsi positivo.

I primi mesi infatti hanno fatto registrare un esordio brillante e sono stati tanti i giocatori che si sono trasferiti dai Sit&Go ai tavoli cash o hanno  aperto nuovi conti per poter giocare. La raccolta è aumentata di circa quattro volte rispetto all’inizio dell’anno.

Dopo il boom iniziale è seguito un periodo di calo e poi di generale assestamento. I numeri registrati comunque sono importanti. I nostri pokeristi hanno giocato ai tavoli cash complessivamente 9,5 miliardi di euro.  Di questi  la gran parte è tornata sotto forma di vincite nelle tasche dei più bravi o fortunati, mentre 300 milioni circa sono andati alle rooms.

Barbara Beltrami, country manager di Italia PokerStars, ha rilasciato delle dichiarazioni molto interessanti a proposito del presente e del futuro del cash game: “Il poker cash ci ha reso più competitivi. Il cash è stato atteso a lungo e ci ha permesso di completare la nostra offerta permettendoci finalmente di competere al pari con altre poker room”.

“Il futuro del mercato? Dopo il boom iniziale, ora i nuovi giochi sono più stabili. A questo punto crediamo che la grande crescita sia terminata: complice la crisi, ci attendiamo una flessione del mercato a partire dal prossimo anno, che non ci impedirà di proporre comunque una offerta di livello. La nuova frontiera sarà il mobile gaming, che ci ha già dato grandi soddisfazioni: è la direzione verso cui rivolgersi”.