Poker online Italia e Spagna, mercato comune sempre più vicino

poker

Il direttore generale della commissione spagnola sul gioco, Enrique Alejo,  in una intervista rilasciata al sito  Poker Red, ha ribadito l’intenzione di Italia e Spagna di arrivare a una disciplina condivisa per il gioco online e a un field unico di giocatori e soprattutto ha dichiarato che a suo parere l’obiettivo potrebbe essere raggiunto entro la fine del  2013.

“Probabilmente dopo l’estate, a settembre od ottobre, ci incontreremo con i responsabili italiani, e allora sarà possibile fare una stima attendibile del tempo necessario per strutturare un accordo. Non so se questo sarà raggiungibile già all’inizio del 2013, ma è probabile di sì in fase più avanzata”, ha dichiarato.

L’unione dei due mercati sarà fondamentale per aumentare la liquidità e recuperare molti giocatori spagnoli che hanno abbandonato le room nazionali. “Non c’è dubbio che per il nostro mercato si tratti di una perdita: Speriamo che tornino e che giochino in Spagna, perché sono giocatori spagnoli e rappresentano un valore aggiunto per il mercato nazionale e per i suoi talenti. L’ente regolatore italiano, AAMS, ha obiettivi simili. Anche nel nostro territorio lo Stato vuole impedire ai suoi giocatori di utilizzare piattaforme non autorizzate. Lo fa da un paio d’anni e con buoni risultati. Il fisco batte cassa e il legislatore si adegua, un motto che in questi ultimi mesi è trasversale nella politica italiana e spagnola”, ha aggiunto ancora Alejo.

Qualora il sistema italo spagnolo dovesse dare buoni risultati, il dirigente non esclude che possa essere condiviso in un secondo tempo anche dai francesi.