Poker online: Spagna, via il primo giugno

poker

Per il mercato del poker online europeo giugno sarà un mese molto importante. Infatti dal 1 del mese anche la Spagna aprirà le sue porte al gioco e la Direcciòn General de Ordenaciòn del Juego ha comunicato ufficialmente che in quella data sarà resa nota la lista degli operatori ammessi nel mercato iberico.

Come avevamo già scritto su Games10 qualche mese fa molte sono state le grandi poker room internazionali che hanno inoltrato la loro richiesta, tra cui PokerStars, PartyPoker, iPoker, Ongame, Ladbrokes, pronte quindi a lanciare i portali .es. Le altre non interessate da qualche tempo hanno invece interrotto l’accettazione di giocatori spagnoli.

Tra gli aspetti più interessanti va ricordato che non dovrebbero esserci limiti di deposito sia giornaliero che settimanale e che gli operatori saranno tenuti al pagamento di un’ aliquota del 25% sui ricavi lordi di gioco. Vi sono però dei punti ancora avvolti dal mistero.  Infatti non è chiaro se le problematiche che erano state evidenziate sul controllo di età e identità dei giocatori siano state definitivamente superate e soprattutto se le poker room spagnole potranno accettare giocatori di tutti i Paesi Europei. Quest’ultimo sembrava l’orientamento prevalente,  tuttavia non vi sono al momento conferme.

Desta qualche preoccupazione invece  una iniziativa che sta valutando il fisco spagnolo, ossia  la possibilità di chiedere una tassa retroattiva alle poker room che fino ad ora hanno operato in Spagna senza versare nessuna imposta nelle casse dello Stato, cosa che potrebbe perfino indurre qualcuno a rinunciare ad  una licenza appena acquisita. Insomma, una vigilia abbastanza movimentata!